Home News Google impone agli inserzionisti il ​​pagamento delle tasse sui servizi digitali

Google impone agli inserzionisti il ​​pagamento delle tasse sui servizi digitali

- Advertisement -

Secondo quanto riferito, Google ha detto agli inserzionisti britannici che dovranno coprire i costi per l’ imposta sui servizi digitali del Regno Unito entrata in vigore ad aprile. Dal 1 ° novembre Google inizierà a addebitare agli inserzionisti un ulteriore 2% di commissioni per coprire i costi.

La nuova tassa, che Google ha deciso di trasferire ai clienti, addebita il 2% sui ricavi generati nel Regno Unito L’imposta viene prelevata sulle entrate specificamente dai motori di ricerca, dalle piattaforme di social media e dai mercati online, il che significa che Google, Twitter, Facebook, e Amazon sono tutti obiettivi.

Gli inserzionisti nel Regno Unito non sono gli unici interessati dal cambiamento, in una dichiarazione, Google ha affermato:

“I costi operativi regolamentari vengono aggiunti a causa di aumenti significativi nella complessità e nel costo del rispetto delle normative in Turchia. In Austria e nel Regno Unito, la tassa sui servizi digitali (DST) è determinata dalla nuova tassa sui servizi digitali in questi paesi “.

La nuova tassa sembra portare fino a 500 milioni di sterline all’anno, ma le aziende tecnologiche sono molto desiderose di non pagare i loro profitti. Oltre a Google, Amazon ha anche iniziato a trasferire i costi della tassa sui servizi digitali ai venditori nel Regno Unito da oggi.

Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,110FansLike
26FollowersFollow

Altre news