Home News Watch Dogs Legion: Hacking Game è stato violato

Watch Dogs Legion: Hacking Game è stato violato

- Advertisement -

Con Assassin’s Creed Valhalla , Watch Dogs Legion è una delle due grandi uscite firmate da Ubisoft alla fine del 2020. Dopo un primo controverso episodio (il famoso downgrade grafico) e una seconda opera molto più divertente e innovativa, la saga è incentrata intorno all’hacking ritorna in una terza puntata chiamata Watch Dogs Legion .

Troviamo ciò che ha reso il successo dei giochi precedenti: possibilità di hacking a dozzine, un mondo aperto (in questo caso Londra per questo opus), più approcci per raggiungere i suoi obiettivi e scontri nervosi. La grande novità? I giocatori possono reclutare nel loro gruppo di hacker (DeadSec) qualsiasi NPC (nota: personaggio non giocante).

Rilasciato sul web il codice sorgente di Watch Dogs Legion

Il gioco è stato rilasciato dal 30 ottobre 2020 su tutte le console attuali (eccetto Switch) e le versioni ottimizzate per Xbox Series X , Xbox Series S e PS5 saranno disponibili una volta lanciate le macchine. Solo brutte notizie hanno contaminato l’inizio della carriera del titolo. Infatti, Watch Dogs Legion , il gioco incentrato sull’hacking, sarebbe stato violato !

Secondo i nostri colleghi del sito Rock Paper Shotgun (RPS), il gruppo di hacker Egregor afferma di aver distribuito il codice sorgente di Watch Dogs Legion sui siti di file sharing . A ottobre, questa stessa entità ha minacciato Ubisoft di pubblicare il codice sorgente del titolo, a meno che l’editore francese non l’abbia contattato. 558 GB di file relativi al gioco sono attualmente in esecuzione su host diversi.

Ubisoft sta indagando

Ubisoft ha dichiarato di essere a conoscenza della fuga di notizie menzionata da Egregor e garantisce che sta indagando su ” un potenziale incidente di sicurezza dei dati”. Inoltre, gli hacker affermano di aver avuto “accesso gratuito” alla rete di Ubisoft, attraverso la quale sono stati in grado di recuperare i dati personali dagli sviluppatori.

Come precisano i giornalisti di RPS, la disponibilità del codice sorgente sul web consentirebbe anche ai modder di modificare la versione PC del titolo come desiderano, o addirittura di apportare miglioramenti al motore di gioco stesso. E viste le prime lamentele dei giocatori sulla rischiosa ottimizzazione della versione PC, questi modder sembrano avere il loro bel da fare.

Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,110FansLike
26FollowersFollow

Altre news