Home Apple iOS 14.5 costringerà le app a chiederti se accetti o meno di...

iOS 14.5 costringerà le app a chiederti se accetti o meno di essere tracciato

Apple stringerà il cappio attorno agli sviluppatori nel prossimo aggiornamento di iOS 14. Apple ha annunciato che la sua politica “App Tracking Transparency” (ATT), che impone maggiore trasparenza sui dati raccolti, entrerà in vigore nella primavera successiva , quando verrà distribuito la futura versione del sistema operativo. I proprietari di iPhone compatibili vedranno quindi un messaggio che richiede la loro autorizzazione per monitorare la loro attività tramite altre app e siti Web aziendali.

Gli utenti potranno scegliere tra due opzioni: “Accetta il monitoraggio dell’utilizzo” o  “Chiedi all’app di non monitorare l’utilizzo”. Se viene selezionata la seconda opzione, Apple blocca l’accesso dell’applicazione all ‘ “Identifier for Advertisers” (IDFA, “identificatore per inserzionisti”), che consente di misurare il successo di una campagna. Quest’ultimo non potrà quindi tracciare l’utente tramite il proprio iPhone raccogliendo dati personali e pubblicitari. L’azienda specifica che in caso di rifiuto da parte degli sviluppatori, l’applicazione può essere rimossa dall’App Store .

APPLE IMPONE TRASPARENZA AGLI SVILUPPATORI

Svelato a settembre 2020 da Apple, l’ATT attualmente non è obbligatorio. Alcuni sviluppatori l’hanno già implementato nelle loro applicazioni, ma gli esempi rimangono rari . Nella prossima versione di iOS 14, gli utenti potranno configurare le proprie preferenze di raccolta dati in modo selettivo tramite app. Per accedere alle impostazioni, dovrai andare su  Riservatezza> Monitoraggio .

Questo annuncio segue una recente modifica ai Termini di servizio dell’App Store, che ora richiede alle app di visualizzare accuratamente i dati che raccolgono . L’azienda produttrice di mele ha fatto della tutela della privacy il suo cavallo di battaglia, il che ovviamente non è per tutti i gusti . In effetti, alcune voci, soprattutto all’interno di grandi gruppi, si sono levate per denunciare le sue nuove misure. Facebook è in particolare una delle aziende più vocali sull’argomento .

3,100FansLike
26FollowersFollow

Altre news